|  |  |  | 

Homepage News e comunicati parlamentari news

Ferrara sul cyberbullismo: “Con la nuova legge più strumenti per navigare in piena sicurezza”

ElenaFerraraProsegue il tour nelle scuole della Senatrice. Nel Novarese, una nuova tappa, con il papà di Carolina, per discutere con gli studenti

Il cyberbullismo continua a fare danni e purtroppo anche vittime. La riflessione avviata dalla Senatrice dem Elena Ferrara parte dalla sua esperienza come insegnante e dal triste storia do Carolina, vittima di vessazione sulla rete. Carolina può essere definita la prima vittima di cyberbullismo in Italia. A poco più di due anni dall’episodio, il padre parla davanti a centinaia di ragazze e ragazzi, coetanei della figlia scomparsa, per rivolgere loro un appello. “Mia figlia è stata violata dalla maldicenza, dall’invidia e dalla vigliaccheria. Isolate i bulli sulla rete e segnalate il vostro disagio o quello dei vostri compagni prima che questo porti alla disperazione”.

A Borgomanero (NO) tutti conoscono la storia di Carolina. Una ferita ancora aperta, che ha portato la Senatrice Elena Ferrara (Pd), sua insegnante alle scuole medie, a presentare il disegno di legge per il contrasto e la prevenzione del cyberbullismo, nato da un percorso di monitoraggio sul fenomeno all’interno della Commissione Diritti Umani che ha coinvolto lo stesso Paolo Picchio. Da allora la parlamentare novarese risponde agli inviti di insegnanti, genitori, studenti e istituzioni da tutta Italia, per capire come la politica possa rispondere al vuoto di regole e valori che spesso mette a rischio i più giovani sul web. Un percorso di ascolto e confronto che lunedì 2 marzo ha toccato il Nord della provincia di Novara, per parlare di “Social network e bullismo in rete”. Un incontro voluto dala Sindaco Anna Tinivella, in collaborazione con “L’informagiovani” e l’Istituto Tecnologico “Leonardo da Vinci”.“Al caso di Carolina – continua la Senatrice – ne sono seguiti molti altri; da Venaria a Roma, da Torino a Bergamo, fino a Genova, dove i giornali di questi giorni raccontano due episodi brutali”. “Episodi di violenza inaudita – commenta la Senatrice Pd – che mi danno ancora più motivazioni per insistere nel percorso intrapreso con il ddl 1261”. Una nuova legge che non vuole criminalizzare Internet o limitarne la sua natura, libera e spontanea, ma piuttosto dare uno strumento a chi è vittime di certi comportamenti. Questa legge, che aspetta di essere discussa in Parlamento, darà la possibilità di segnalare direttamente gli episodio di cyberbullismo ai gestori web. Se il contenuto lesivo non sarà rimosso – prevede il testo della legge – sarà possibile rivolgersi al Garante della Privacy, che in caso di mancata risposta potrà provvedere alla rimozione dello stesso. Per i reati compiuti da minorenni con età superiore ai 14 anni nei confronti di un altro minorenne, sarebbe applicata la procedura di Ammonimento. Un modo – conclude la Senatrice Ferrara – per intervenire prima della magistratura e nell’interesse degli stessi ragazzi”.