|  |  | 

consiglieri news Pubblica in Homepage

TRASPORTI; REGIONE; CONTICELLI (PD): DA 2018 TASSA RUMORE AEREI, TUTTE LE REGIONI SI ADEGUINO

“Chi inquina paga deve valere anche per le compagnie aeree”. Lo dichiara la presidente della Commissione trasporti del Consiglio regionale, Nadia Conticelli (PD), a margine dell’audizione del direttore dei servizi generali, Dario Maffeo, e del responsabile dell’area operativa, Calogero Giammusso, svolta stamattina in seduta congiunta della I e II Commissione.

“La normativa – prosegue Conticelli –  sulla tassazione del rumore prodotto dagli aeromobili è piuttosto travagliata. Dal primo provvedimento del 1990 nazionale molto è successo: oggi la competenza è esclusiva delle Regione e non c’è motivo per non applicarla, tanto più che esistono richiami formali della Corte dei Conti che invita tutte le Regioni ad applicarla pena incorrere nel danno erariale. La legge piemontese (n. 6 del 2017) entrerà in vigore il 1/1/2018 – continua – dando un valore economico al peso, pari a 0,50 euro per ogni tonnellata, nessun valore viene dato alla classe di rumorosità, aspetto che andrà assolutamente corretto in modo da incentivare l’utilizzo di vettori meno rumorosi; andrà quindi inserito, nel calcolo della tassa, il valore del rumore tramite l’indicatore internazionale stabilito dall’ICAO (International Civil Aviation Organisation). Questa tassa – precisa – inciderà poco sulle singole compagnie, meno di 40 euro a volo, ma già applicata così senza correttivi porterebbe un gettito di un milione di euro da impiegare in risarcimento alle aree limitrofe di Caselle e di San Maurizio e in azioni di contenimento del rumore”.

Nel 2012 la Conferenza delle Regioni al fine di uniformare la disciplina ha approvato uno schema tipo di proposta di legge regionale, ad oggi solo la Campania e il Lazio la applicano e a breve anche il Piemonte.

“E’ un principio – conclude Conticelli – che deve essere applicato da tutte le Regioni, non è possibile creare disparità territoriale ai danni di chi vive nelle zone aeroportuali e subisce i danni ambientali conseguenti”.