|  |  | 

consiglieri news Pubblica in Homepage

TRASPORTI; ESTENSIONE ABBONAMENTO FORMULA STUDENTI, AVVIO SPERIMENTAZIONE AREA METROPOLITANA

Partirà sabato 17 marzo, dall’area di Piossasco, la prima sperimentazione su abbonamento formula studenti per consentire l’utilizzo dei mezzi pubblici sette giorni su sette, non solo per andare a scuola. Lo annunciano l’Assessore regionale ai Trasporti, Francesco Balocco, e la Presidente della Commissione regionale Trasporti, Nadia Conticelli (PD). “Stiamo – continuano –  lavorando con l’Agenzia della Mobilità per superare il sistema di abbonamento Formula per gli studenti per l’area metropolitana, al fine di rendere più economico spostarsi sul territorio al di la dei confini del proprio abbonamento e incentivare la mobilità degli studenti. Partiamo, d’intesa con il Comune di Piossasco e GTT, introducendo agevolazioni per gli studenti di Piossasco che favoriscano gli spostamenti anche nel fine settimana, da e verso il capoluogo. Il sistema Formula – spiegano – ha avuto il vantaggio di fornire un unico abbonamento per bus e treno agli studenti, ma le fasce rigide per territori lo ha reso uno strumento non idoneo per le esigenze di mobilità extrascolastica dei giovani dell’area esterna a Torino. Si comincia – dichiarano Balocco e Conticelli – da Piossasco in quanto si trova nella zona mediana fra Pinerolo e Torino e la sperimentazione consentirà agli studenti di frequentare la scuola a Pinerolo e raggiungere il capoluogo, nel fine settimana, senza dover acquistare un secondo abbonamento o titolo di viaggio”.
“I cittadini di Piossasco hanno presentato mesi fa una petizione con 2000 firme  per chiedere una riduzione della tariffe del trasporto scolastico intercomunale per agevolare gli spostamenti dei ragazzi anche al di fuori dei periodi scolastici – spiega il sindaco di Piossasco Roberta Avola Faraci -. Fino a luglio con l’abbonamento formula in uso, che in settimana consente ai ragazzi di raggiungere la scuola a Pinerolo, nel fine settimana potranno raggiungere Torino senza costo aggiuntivo”.
“Ora – prosegue Conticelli – verrà monitorato l’utilizzo e nel caso sarà esteso a tutti gli studenti dell’area metropolitana”.
“L’obiettivo finale – conclude l’assessore regionale ai Trasporti –  è la tariffazione a consumo con il superamento del concetto di abbonamento classico (più uso i mezzi pubblici, meno pago), come da fase sperimentale già avviata nel cuneese. Per quanto riguarda le agevolazioni, così come previsto dagli indirizzi regionali, saranno estese a tutti i giovani sotto i 26 anni”.