|  |  |  | 

Homepage il segretario News e comunicati

Giornata nazionale contro il bullismo e il cyberbullismo, Furia: “Puntiamo di più sull’educazione civica digitale”

Oggi è la giornata nazionale contro il bullismo e il cyberbullismo. Un fenomeno spesso sottovalutato, ma che ha un impatto crescente al crescere dell’utilizzo dei social network. La tecnologia ci offre enormi possibilità: possiamo estendere i nostri profili in piattaforme digitali le più diverse e per i più disparati fini; ognuno di noi può acquistare prodotti, incontrare amici, scambiare opinioni politiche. In sostanza, si sono moltiplicate le opportunità di interazione sociale.

Ma le possibilità di relazione e interazione sociale cui i social network ci espongono non sono tutte positive. Assistiamo infatti a inedite forme di abuso che riguardano tutte le categorie di utilizzatori e in particolare i più giovani. Si pensi ai furti di identità, all’utilizzo improprio di materiale privato, alla diffusione virale di contenuti multimediali non autorizzati. Ci sono persone, anche giovanissime, che sono arrivate addirittura a suicidarsi a causa di tali abusi.

Ecco perché, anche in questo caso, vale il fatto che a una grande opportunità offerta dalla tecnologia corrisponde un’altrettanto grande responsabilità nel suo utilizzo. Si tratta di una responsabilità diffusa, in quanto riguarda ogni utilizzatore di questi mezzi. Per questa ragione, oltre a interventi volti a punire gli abusi, occorre puntare di più sull’educazione civica: potremmo chiamarlo un progetto di educazione civica digitale rivolto a bambini e famiglie.

Paolo Furia, segretario regionale


qui il link alla Legge regionale n. 2 del 5 febbraio 2018 “Disposizioni in materia di prevenzione e contrasto dei fenomeni del bullismo e del cyberbullismo”.