|  |  | 

Homepage News e comunicati

RICERCA DEL LAVORO: DAL COMUNE DI COLLEGNO UN AIUTO CONCRETO A PIU’ DI 1.250 CITTADINI

A Collegno tanti progetti a “misura di futuro, perché il lavoro è sviluppo del territorio” – Francesco Casciano, Sindaco di Collegno

su LUNA NUOVA del 12/03/2019

COLLEGNO – Dal 2015 al 2018 più di 1250 cittadini sono stati sostenuti dalle diverse iniziative messe in campo dall’amministrazione per la ricerca di un lavoro. È questo uno dei dati più significativi emersi dal convegno che si è svolto ieri mattina in sala consiliare. A fare il punto c’erano il sindaco Francesco Casciano. il vicesindaco con delega al lavoro Antonio Garruto, l’assessore regionale Gianna Pentenero. Umberto Radin della Cgil. Adriano Gallea. HR business partner Eu-Asia-China Prima Power e Renato Zambon responsabile del Centro per l’impiego di Rivoli. La zona ovest si conferma uno dei poli di eccellenza nazionale sulla manifattura e sull’impresa 4.0. Giovani tra i 18 e i 29 anni così come adulti over 30. Disoccupati e inoccupati, trovano nelle politiche attive per il lavoro un supporto per cercarlo nel modo giusto, attraverso un ufficio aperto e ad accesso libero per i cittadini in cerca di occupazione. «La grande capacità di Collegno di essere terreno fertile in grado di attrarre sia gli interessi delle grandi aziende che scelgono di investire qui, sia di accompagnare le necessità di chi cerca un lavoro per la prima volta, di chi lo ha perso e deve rimettersi in gioco, sia di chi ha in mente un ‘idea e vuole realizzarla – sottolinea Casciano – Collegno è la città del lavoro e le politiche attive messe in atto ne sono l’espressione più positiva». «Tanti progetti a misura di futuro proprio perché il lavoro è inteso come tema centrale per lo sviluppo del territorio – aggiunge l’assessore al lavoro Antonio Garruto – Consentono a chi cerca un’occupazione di attivarsi per cogliere le nuove opportunità del mercato: è possibile grazie a un supporto metodologico specializzato e attraverso strumenti e percorsi finalizzati alla ricerca attiva del lavoro che tengono conto delle competenze e delle inclinazioni personali. Vengono altresì sostenuti percorsi (attraverso il progetto Imprenditori in Collegno) per coloro che vogliono attivare un percorso di autoimpiego accompagnandoli nella loro progettualità imprenditoriale». I numeri complessivi sono positivi: otto progetti, 900 persone inserite in percorsi di orientamento e di formazione; 160 lavori e attività temporanee, 5 nuove imprese. 110 tirocini attivati. 65 assunzioni a seguito di tirocini. «L’obiettivo politico e amministrativo di questi anni è stato quello di mettere a disposizione dei cittadini che sono alla ricerca di un’occupazione, una cassetta degli attrezzi composta dal sistema delle politiche attive per il lavoro – conclude Garruto – che rappresenta uno strumento di aiuto concreto finalizzato all’incremento di abilità utili a fronteggiare con maggior efficacia la complessità dell’attuale mondo del lavoro e ad ampliare le proprie opportunità di inserimento lavorativo»