|  |  | 

Homepage parlamentari news

#SiamoPari – Una proposta per la parità salariale fra uomini e donne

L’On Chiara Gribaudo sulla parità salariale:

“Oggi alla Camera ho presentato, insieme alle deputate e ai deputati di più gruppi parlamentari, una proposta di legge per la #ParitàSalariale fra uomini e donne. Il #genderpaygap nel nostro Paese è ancora troppo alto, arriva fino al 20% di differenza nella retribuzione fra uomo e donna a parità di mansione e di ore lavorate, e nella classifica internazionale del World Economic Forum siamo diventati 82esimi nel global gender gap report.

La mia proposta, la nostra proposta, è basata sulla trasparenza, sulla scia di altre esperienze europee e internazionali: rendendo pubblico l’elenco delle aziende che presentano il rapporto previsto dal Codice delle pari opportunità, e creando una certificazione ad hoc per quelle che rispettano i suoi parametri, vogliamo spingere i datori di lavoro italiani a mettere fine a questa ingiustizia.

Questa legge non può essere rimandata, deve essere un obiettivo di legislatura: possiamo farcela, perché quando le donne si uniscono, riescono sempre a raggiungere i loro obiettivi. Grazie a chi ha sottoscritto questa proposta (la trovate qui: https://bit.ly/2M34lSx), grazie a chi oggi è intervenuto, Laura Boldrini. Renata Polverini, Tiziana Ciprini, Veronica Giannone, alla Consigliera Nazionale di parità Franca Cipriani, grazie a tutti e a tutte le colleghe che oggi sono volute essere presenti.

Lavoreremo insieme perché questa proposta per realizzare le pari opportunità e la parità salariale sul luogo di lavoro diventi legge, e lo faremo creando momenti di condivisione e di informazione dentro e fuori il Parlamento. Consapevoli che non basta questa legge a risolvere i problemi e garantire tutti i diritti delle donne italiane, ma che serve lavorare insieme su congedi parentali, diritti della maternità e della genitorialità, istruzione, cultura. Perché questa battaglia è soprattutto culturale e la trasparenza è l’arma con cui la combatteremo.”

QUI la sintesi della proposta